Intestazione di pagina

Castione.ch

Percorso
Contenuto della pagina

Notizie

Dopo un lungo periodo di sospensione riprende la lettura delle notizie concernenti la mobilitÓ in Ticino. E si riparte da un tema che i media sembrano trascurare: quello dello sviluppo della mobilitÓ intelligente, ovvero i trasporti pubblici, i poli d'interscambio fra traffico privato e pubblico (i famosi Park&Ride), l'aumento delle reti ciclabili e la parallela riduzione della rete stradale.
Ma se i giornali non dÓnno spazio a queste notizie, qua e lÓ qualcosa sfugge, e finisce qui.

14 febbraio 2014
Polizia ... pedala! - L'ennesima notizia ... che non Ŕ una notizia, una delle tante di cui sono pieni i ... giornali. Ce ne starebbero altri di puntini di sospensione a indicare la perplessitÓ d chi sfoglia le pagine reali e virtuali dei sedicenti notiziari ticinesi e si trova a leggere ... (appunto) il nulla. Riporto comunque il fatto, che tale diventerÓ solo in futuro perchÚ per ora Ŕ solo una gravidanza. In futuro, dicevo, la polizia comunale di Lugano avrÓ a sua disposizione alcune biciclette. Di per sÚ la notizia potrebbe tranquillamente trovare posto nella rubrica "ecchissenefrega" della rimpianta rivista Cuore; ma se ci˛ potrÓ stimolare il municipio a darsi finalmente da fare per realizzare qualche pista ciclabile, o almeno dare spazio alle bici, allora sarÓ valsa la pena di sprecare queste poche e anch'esse virtuali righe.

31 dicembre 2013
Le Velostation in Ticino - Devo ancora capire a cosa serve la sezione ticinese di ProVelo: a parte qualche articolo di autopromozione, finora azioni concrete non se ne sono viste. Comunque, tanto per finire l'anno in bellezza ecco una nota stampa che lamenta l'assenza di stazioni per biciclette, ovvero infrastrutture affiancate alle stazioni ferroviarie in cui lasciare le biciclete con la sicurezza che non saranno rubate. In Ticino non ce ne sono ancora, e fin qui niente di strano; ma prima di riuscire a posteggiare una bici in stazione, sarebbe bello riuscire ad arrivarci , e magari con la stessa sicurezza per il ciclista oltre che per la bici. Promemoria a ProVelo per il 2014: guardatevi intrno.

20 ottobre 2013
1. A Castione nulla si muove: la stazione langue - Dopo il tanto pubblicizzato taglio del nastro alla stazione di Castione, che doveva diventare il polo d'interscambio in entrata a Bellinzona e un fiore all'occhiello per "prezzemolino" Borradori (il papÓ di TiLo), tutto si Ŕ fermato. Una volta scoperto che ci si era dimenticati di chiedere alla Ferrovia retica di andarsene, e dopo che la Retica ha annunciato che non se ne sarebbe andata fino al 2020 (almeno), i politici cantonali e comunali hanno messo una bella pietra sopra la figuraccia e hanno fatto finta di niente. Oggi la stazione Ŕ ancora lÓ, incompiuta e con un orrido muro a separarla dall'area della Retica, una specie di Muro di Berlino - ma che somiglia di pi˙ a un enorme pannolone che dovrebbe nascondere le vergogne dell'ex Consigliere di Stato e dell'attuale sindaco. CosÝ il parcheggio da 200 posti Ŕ ridotto a un'area per venti auto, lo spazio per le fermate degli autobus non c'Ŕ e la stazione Ŕ l'ennesima cattedrale nel deserto.
Qui gli articoli sul tema
2. Niente autosilo per la stazione di Mendrisio - Il signor Tarchini, patron della cittÓ-mercato FoxTown, che avrebbe dovuto costruire il nuovo parcheggio annesso alla stazione ferroviaria di Mendrisio, ha annunciato che non potrÓ rispettare i previsti tempi di consegna, ovvero l'apertura del nuovo svincolo autostradale. Ne prendano nota i mendrisiensi che si ritroveranno ancora una volta le strade intasate. Ma se il parcheggio fosse servito ai clienti del FoxTown il ritardo ci sarebbe comunque stato? Il dubbio Ŕ lecito.
Qui il testo dell'articolo (Da Ticinonews del 16 ottobre 2013)

Vai alle notizie meno recenti

Pagina aggiornata il 20 ottobre 2013 alle ore 12:00