Intestazione di pagina

Castione.ch

Percorso
Indice sezione Racconti di viaggio

Svizzera e dintorni

Italia

Contenuto della pagina

Giro del lago di Garda

Descrizione

lago di Lugano (Ceresio)

Un paesaggio splendido, un lago incassato in una tranquilla valle alpina aperta sulla pianura padana e dal clima temperato, una serie di paesi affacciati sulle sue sponde, ai piedi della montagna, sospesi fra l'acqua e il cielo. Il lago di Garda un percorso ideale per i ciclisti, grazie allo scarso traffico e ai molti momenti di interesse paesaggistico e artistico che propone, fra chiese, castelli e panorami. I quasi 150 km che toccano tre regioni italiane (Lombardia, Trentino e Veneto) si percorrono facilmente in una giornata (non ci sono tratte impegnative), ma se si prevede di gustare anche un po' dell'offerta d'arte e natura disseminata lungo tutto il tracciato, allora preferibile diluire il giro in due tappe, con una sosta intermedia.
Data la forma allungata del lago, vien naturale pensare di partire dall'estremo sud ( Desenzano del Garda, Sirmione o Peschiera) e risalire verso nord fino a Riva del Garda, il suo capo settentrionale situato proprio a met del cammino. Il percorso in senso orario permette di favorire del calore del sole, poich il lato occidentale ben irraggiato il mattino mentre quello orientale lo nel pomeriggio. La tratta pi problematica quella meridionale, dove il traffico pi intenso; prima di arrivare a Limone sul Garda si traversano alcuni tunnel (e non ci sono strade alternative).
Se siete interessati non solo alle bellezze naturali visibili in sella alla bicicletta ma anche alle delizie gastronomiche di questa regione, vi suggerisco di partire da uno dei numerosi centri di agriturismo della zona, ad esempio nei dintorni di Pozzolengo.

Apri la mappa del percorso (gif 620x880 96dpi 60kB)

Il viaggio

Per chi giunge dal Ticino il miglior punto di partenza Desenzano del Garda (Lombardia; uscita autostradale A4). Dopo aver attraversato i primi villaggi (San Felice, Montinelle) si giunge a Gardone Riviera (30 km) dove si fa la prima sosta e si visita l'imperdibile Vittoriale degli italiani, il complesso monumentale autocelebrativo edificato da Gabriele D'Annunzio e oggi trasformato in museo, con un magnifico parco affacciato sul lago. Altri 30 km e qualche tunnel per arivare a Limone, celebre per l'olio d'oliva e i limoni (che non c'entrano nulla con il nome del comune), poi si prosegue per Riva del Garda (10 km; siamo in Trentino), dove ci si ferma per il pranzo o per la notte.
Il tragitto di ritorno tocca Malcesine (20 km; qui siamo in Veneto), Torri del Benaco (20 km), Garda (9 km) e Bardolino (3 km); a voler guardarsi in giro si trova sempre qualcosa degno di nota. A Peschera del Garda (15 km) siamo all'estremo meridionale del lago, ma rimane da vedere ancora la penisola su cui sorge il piccolo comune di Sirmione (10 km) con le sue celebri grotte di Catullo. Gli ultimi 5 km ci riportano a Desenzano, il punto di arrivo del viaggio.

Da vedere

Giorno 1

Tratta che risale verso nord la costa occidentale del lago; percorribile in una mezza giornata, per cui si ha il tempo di sostare nei luoghi di particolare interesse (Vittoriale). Conviene rinviare il pranzo fino a Riva del Garda.

luogo km tot ora note
Pozzolengo 0 00:00
Desenzano del Garda 14 14 00:45
San Felice del Benaco 19 33 01:45
Gardone Riviera 10 43 02:15 Vittoriale; visita (1 ora)
Limone sul Garda 30 73 03:45
Riva del Garda 10 83 04:15 fine prima tappa; pranzo
Giorno 2

Tappa di ritorno lungo la costa orientale del lago. Il mattino possibile che la strada sia in ombra. Dato che il tragitto impegna per una sola mezza giornata resta il tempo, una volta arrivati, per visitare Sirmione.

luogo km tot ora note
Riva del Garda 0 00:00
Malcesine 16 16 00:50
Torri del Benaco 21 37 02:00
Peschiera del Garda 25 62 03:15
Pozzolengo 11 73 03:45 fine viaggio